Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.

You are viewing Personal

Una gita nella romantica e futuristica Milano

Di Milano amo i palazzi signorili in stile liberty, eleganti anche nel grigiore. Le strade col pavè, che però sono impossibili da praticare in bici. I tram, specialmente quelli storici, che hanno superato i 90 anni, rumorosi e lenti. È altrettanto impossibile restare indifferenti di fronte alla modernità dei suoi nuovi grattacieli, che si innalzano offrendo una potenza visiva che non ha niente da invidiare alle grandi metropoli. Milano stanca, Milano è fredda, Milano ti confonde con tutte le sue cose da fare e da vedere: mostre,

Paura di volare: di quella volta che ho pensato di averla sconfitta

Da quando ne ho memoria, ho sempre sofferto di aereofobia (paura di volare) nella sua manifestazione più devastante possibile: l’ansia anticipatoria.

Dicesi ansia anticipatoria quel fenomeno stracciacoglioni che ti impedisce di vivere serenamente e in modo funzionale dalle 24 alle 72 ore che precedono un evento particolarmente stressante. Significa non dormire bene, sentirsi agitati come se stesse arrivando l’Apocalisse, vivere come se avessi una pistola alla tempia che ti costringe a fare quello che non vuoi,

Autunno in Sicilia: il borgo marinaro di Marzamemi

Vi racconto di una domenica di sole in pieno autunno, che non ha niente da invidiare all’estate appena lasciata alle spalle.

In Sicilia, ogni anno è sempre la stessa storia: ci si lamenta di non poter fare il cambio di stagione, di trovare l’auto con una temperatura interna di 3000 gradi Fahrenheit a metà ottobre, di non poter bere cioccolata calda e guardare alla finestra la pioggia che cade. In una vita passata, però, io devo essere stata certamente una lucertola: trascorrere anche dieci minuti al sole ogni giorno è una ricarica naturale a cui non so rinunciare.

La fine dell’estate. Questo è un post sentimentale

La fine dell’estate per me ha sempre rappresentato un momento tragico. Chi mi conosce, lo sa. Dall’età di 10 anni con mamma, papà e sorella si fuggiva dal ridente paesino in pianura per raggiungere la casa al mare dei nonni, che – grazie alla lungimiranza di mio nonno paterno, il quale costruì in tempi non sospetti un appartamento al primo piano – divenne il nostro rifugio per l’estate. La casa si trova in un villaggio senza tempo,

5 tipologie di utenti social per cui provo disagio

I social sono una grande piazza virtuale dove puoi imbatterti nel cafone di turno con cui probabilmente avresti avuto a che fare anche nella vita reale. Si dice sempre che sono come un grande acquario da osservare, dove fioccano i classici stereotipi che esistono anche nella vita di tutti i giorni, in molti casi anche più esasperati ed esasperanti perché ‘protetti’ dal mezzo.

Che dire poi di quelle personalità cangianti che dietro lo schermo sono in un modo e quando li incontri,