Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.

You are viewing Cose dal divano

Paura di volare: di quella volta che ho pensato di averla sconfitta

Da quando ne ho memoria, ho sempre sofferto di aereofobia (paura di volare) nella sua manifestazione più devastante possibile: l’ansia anticipatoria.

Dicesi ansia anticipatoria quel fenomeno stracciacoglioni che ti impedisce di vivere serenamente e in modo funzionale dalle 24 alle 72 ore che precedono un evento particolarmente stressante. Significa non dormire bene, sentirsi agitati come se stesse arrivando l’Apocalisse, vivere come se avessi una pistola alla tempia che ti costringe a fare quello che non vuoi,

Perché guardare Tredici anche se non sei più adolescente

Sono a metà della visione di Tredici (o 13ReasonWhy), il nuovo teen drama che Netflix ha pubblicato il week end scorso e riesco solo a pensare che, grazie a Dio, non sono più adolescente. Ciò non mi esime dal voler immergermi in questo thriller psicologico ben scritto e realizzato, con una colonna sonora che appartiene più alla mia generazione (Joy Division, The Cure, Woodkid) che ai duemila che si vedono sullo schermo.

Caterina Balivo e il tweet del medioevo su Diletta Leotta

In questi ultimi tempi si fa un gran parlare di femminicidio, violenza sulle donne, stalking, cyberbullismo. Quest’ultimo, in particolare, sembra essere un fenomeno ancora sconosciuto ai più, gli stessi che ragionano forse come se fossero dentro un episodio di Stranger things, dove internet è il sottosopra.

Eh no, cari miei, troppo facile e minimizzante pensarla così. Non tutto quello che si legge su internet corrisponde alla realtà, è vero, ma non è nemmeno un mondo immaginario in cui puoi fare quello che vuoi: ciò che viene scritto sulle pagine del web ci resta per sempre,

La musica che ho ascoltato nell’ultimo mese

In queste settimane ho fatto incetta di musica come non succedeva da mesi, visto che negli ultimi tempi ero stata risucchiata da troppe serie tv. Ho ascoltato a ripetizione un paio di album nuovi con cui sono andata in fissa e, dato che per me febbraio non è il mese dell’amore e di San Valentino, ma quello della musica e di Sanremo, prevedo di trascorrere così anche i prossimi giorni.

Gennaio è partito alla grande con il nuovo album dei Baustelle

Età dell’oro: il mondo del lavoro mal pagato di creativi e freelance

Ho trascorso parte del mio tempo recente aggiornando compulsivamente la home banking, in attesa di bonifici che sembravano svaniti nel nulla; poi, sono arrivati. Per un po’ sei felice di avere quello che ti spetta, ma dura poco perché ti rendi conto che ogni lavoro/collaborazione/progetto si trasforma in una lotta e vorresti sputare in faccia a quelli che accusano i giovani di avere una mentalità vecchia e stantìa perché il posto fisso risolverebbe (almeno in parte) questa gran faticaccia.

Quello che ho amato e odiato di Gilmore Girls – Il revival

Ci siamo. Il 25 novembre 2016 è arrivato e con lui i 4 nuovi episodi di Una mamma per amica (Gilmore girls – A year in the Life), l’evento più atteso dell’anno. Essendo abituata alla bipolarità di sceneggiatrici come Marlene King, ho cercato di tenere basse le mie aspettative su questo gran ritorno per non restarne delusa. L’emozione c’era, ma anche gli occhi per vedere Lorelai gonfia di botulino, Luke con i capelli trapiantati e soffrire l’assenza di Richard (l’attore Edward Herrmann,